Lingua It En | Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Accedi / Registrati Blog

Categorie


Infuso Buccia di Mandarino

Gr. 100 (dose per 10 litri) 100% NATURALE - LAVORAZIONE ARTIGIANALE Del mandarino non si butta via niente, la buccia è ricca di “limonane”, un prezioso principio antiossidante che contrasta l’ invecchiamento, si può consumarla lasciandola macerare nel tè, ad esempio, ma non è tutto, dalla buccia si ricava anche un olio essenziale in grado di alleviare tensioni nervose, stitichezza, aerofagia, acne, seborrea, insonnia e ritenzione idrica. La polpa del mandarino, essendo ricca di vitamina C, è utile per prevenire il raffreddore e protegge mucose e capillari, la vitamina P, invece, contrasta la ritenzione idrica e favorisce la diuresi. Per finire, la polpa del mandarino contiene calcio, potassio e fibre, indispensabili per ossa, intestino e regolatrice della pressione arteriosa. Gli scienziati del National Institute of Fruit Tree Science, ma anche altri studi paralleli, affermano che il mandarino avrebbe proprietà antitumorali e proteggerebbero il cuore. Sembra che analizzando 1000 persone si sia scoperto che bere un bicchiere di succo dimandarino al giorno ridurrebbe il rischio di sviluppare il tumore del fegato. Gli specialisti australiani dicono, invece, che il consumo di arance e mandarini riduce del 50% le probabilità di cancro del tratto digestivo e del 20% di ictus. La vitamica C di cui è ricca il mandarino è utile anche per combattere le rughe e schiarire le macchie della pelle, rendendola soda e compatta. La buccia del mandarino può anche essere utile per un salutare massaggio alle gambe, facilitando il riassorbimento dei liquidi. Un valido aiuto per chi soffre di cellulite. I mandarini sono un’ottima fonte di vitamine e sali minerali, da cui ricaviamo enormi benefici per il corpo e per la mente. Grazie alle sue proprietà, il mandarino risulta essere rilassante, dissetante e lassativo. Inoltre si rivela molto efficace nel combattere l’invecchiamento cellulare, nel rafforzare il sistema immunitario ed è anche un buon rimedio contro i dolori articolari. Vi riportiamo di seguito l’elenco dettagliato delle proprietà nutritive legate al consumo di mandarino. - La presenza di bromo si rivela un ottimo sedativo per il sistema nervoso, favorisce il rilassamento ed aiuta a conciliare il sonno. - Il limonene contenuto nella buccia ha principi antiossidanti, per questo motivo combatte i radicali liberi e contrasta l’invecchiamento delle cellule. Con la scorza del mandarino si possono fare degli ottimi infusi e può essere aggiunta anche nel tè. - L’alta concentrazione di fibre contenute nei mandarini dona al frutto proprietà che facilitano il transito intestinale e quindi risolvono problemi di stitichezza. - La vitamina C presente in esso è utile per prevenire il raffreddore e protegge mucose e capillari. - Il mix tra sali minerali e vitamina C previene i tumori al fegato, come mostrato da uno studio condotto da ricercatori giapponesi del National Institute of Fruit Tree Science. Inoltre tale combinazione stimola il metabolismo degli ormoni tiroidei ed attenua i dolori articolari. Da conservare in un luogo asciutto e lontano dai raggi solari. Portare ad ebollizione un litro di acqua ed aggiungere 10 gr della miscela di erbe e farla bollire a fuoco lento con coperchio per 10-15 minuti circa. Bere da una a tre tazze al giorno.

Infuso di Angelica

Infuso di Angelica Gr. 100 (dose per 10 litri) 100% NATURALE - LAVORAZIONE ARTIGIANALE L'Angelica officinalis (arcangelica) è una pianta utilizzata in omeopatia per via delle proprietà amaro-aromatico, utile nelle dispepsie dovute in particolare a diminuzione della secrezione di succo gastrico. È un tonico cordiale in grado di risvegliare l'appetito e facilitare i processi digestivi. Viene, infatti, impiegato come stimolante dell'appetito nei disappetenti. Attività principali: antispasmodica; carminativa, antidispeptica; tonica Impiego terapeutico: dispepsia, anoressia; turbe psicosomatiche; dismenorrea Presenta anche attività spasmolitica il che ne giustifica, probabilmente, l'utilizzo nell'insonnia nervosa, nella dismenorrea, nella gastralgia, nei dolori cronici dello stomaco, dell'intestino e delle vie biliari ecc. Si tratterebbe, pertanto, di un buon antispasmodico che interviene favorevolmente ogni qual volta il fattore nervoso risulta essere alla base del disturbo funzionale. L'angelicina (furanocumarina) si è dimostrata anticonvulsivante, miorilassante e sedativa (esperimenti su cavia) mentre l'arcangelicina e i suoi derivati manifestano azione coronarodilatatrice. Viene anche segnalato l'impiego della pianta nel trattamento palliativo dell'ipofollicolinismo, per la supposta presenza di principi estrogenici. Radici e frutti possono essere impiegati, per le proprietà carminative, nelle affezioni gastrointestinali sotto forma di polvere (4-10 g) o infuso al 5%: più efficaci ancora gli steli freschi, particolarmente aromatici L'uso esterno, sotto forma di bagni o linimenti, nel trattamento dei dolori reumatici, ripreso dalla medicina popolare, sarebbe giustificato dalla presenza di polienine, dotate di proprietà analgesiche. Da conservare in un luogo asciutto e lontano dai raggi solari. Portare ad ebollizione un litro di acqua ed aggiungere 10 gr della miscela di erbe e farla bollire a fuoco lento con coperchio per 10-15 minuti circa. Bere da una a tre tazze al giorno.